Interrogazione sul Parco eolico in costruzione nei Comuni di Tolve, Oppido Lucano, Irsina e Genzano di Lucania: Pittella deve rispondere ai cittadini

Interrogazione sul Parco eolico in costruzione nei Comuni di Tolve, Oppido Lucano, Irsina e Genzano di Lucania: Pittella deve rispondere ai cittadini

Del Parco eolico in costruzione nei Comuni di Tolve, Oppido Lucano, Irsina e Genzano di Lucania, in questi giorni se n’è parlato molto. Quando si arriva all’aggressione di cittadini e giornalisti, che chiedono spiegazioni sulle procedure e sulle autorizzazioni, vuol dire che la situazione sta degenerando.

Questa Regione è assetata di trasparenza e non vediamo perché, se nulla c’è da nascondere, si arriva alla aggressione fisica e, soprattutto, perché la Regione faccia orecchie da mercante.

Solidarietà. Certo, solidarietà agli aggrediti. Ma non basta. Non basta perché è evidente che se ci limitasse ad esprimere la vicinanza, un rappresentante dei cittadini non farebbe granché.

Per questo abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata al Presidente della Giunta chiedendo di rispondere a tutti i quesiti dei cittadini e dei giornalisti rimasti inevasi: nel permettere all’azienda di iniziare i lavori, è stato preso in considerazione il mutamento delle condizioni ambientali, dovute alle sopravvenute istallazioni di impianti eolici nelle vicinanza e soprattutto alla legge regionale n. 54 del 30 dicembre 2015 che pone un divieto di installazione impianti da fonti di energia rinnovabili  in quei Comuni? Se la zona interessata dalle opere è classificata come agricola, con quale atto regionale è stata autorizzata la deroga alla zonizzazione comunale con la realizzazione di impianti eolici in zona agricola?

Ma ancora e soprattutto: come è possibile che la proroga dei termini richiesta dalla azienda è stata respinta per non aver dato inizio ai lavori entro un anno dal giudizio di compatibilità ambientale e poi viene accettata l’istanza di rideterminazione dei termini?

Ma, poi: esiste la possibilità di rimettere in termini un privato che non ha rispettato un termine perentorio fissato dalla stessa Pubblica Amministrazione? Non avrebbero dovuto, più correttamente, far decadere la procedura?

A tutte queste domande dovranno dare una risposta ufficiale. Con questo speriamo di essere riusciti a fare quello che ci prefiggiamo da sempre: essere la voce dei cittadini.

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia

Foto

 

Video

Comunicati Stampa

 

Rassegna stampa

 

Location

  • Piazza della Costituzione Italiana, 40
    85100 - Potenza

Contact

  • +39 345 05 43 899
  •   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Follow Us